Il Comune

Torbole Casaglia

Torbole Casaglia è un centro agricolo e industriale della pianura bresciana centrale a Sud – Ovest di Brescia, fra Roncadelle e Lograto, lungo la strada Brescia- Orzinuovi – Crema. È a km 9,5 da Brescia e confina con Roncadelle, Lograto, Travagliato, Castelmella e Azzano Mella.

Il nome Torbole deriva molto probabilmente dalla parola latina "aquae turbulae": il villaggio con questo nome, per la presenza delle acque torbide, esisteva quindi già in epoca romana.

Il nome Casaglia invece deriva dalla parola latina "casalium" cioè ospizio.

Casaglia non ebbe mai un numero elevato di abitanti, sia perchè situato in una zona dove i centri abitati distavano pochi chilometri l'uno dall'altro, sia perchè il territorio era occupato prevalentemente da malsane paludi.

Dopo le bonifiche effettuate il secolo scorso il clima è migliorato notevolmente rispetto al passato; l'insalubrità delle paludi che circondavano l'agglomerato urbano fino al 1880 era causa della morte precoce di circa il 70% degli abitanti.

Attualmente la popolazione oscilla intorno ai 5000 abitanti; la comunità è stata sottoposta ad una forte emigrazione nel periodo tra il 1950 e il 1960, colmata poi da una immigrazione negli anni successivi.

Per trovare tracce di un primo insediamento nel nostro comune bisogna risalire al periodo eneolitico, 2200 – 2000 a.C. A dimostrazione di ciò, venne trovato nei terreni comunali un pugnale in selce. Nel 1873 nel medesimo terreno, durante uno scavo, fu scoperto un vaso di terracotta pressoché integro .

Si pensa che Torbole sia stato colonizzato dai Romani perchè nel 1926, in un terreno della fornace Deretti, a circa un metro di profondità, mentre si scoperchiava il terreno per la raccolta della creta, venne ritrovato un piccolo cofano metallico, contenente monete romane.

Il nucleo antico di Torbole è senz'altro il piccolo monastero che tutt'oggi si può vedere nella cascina Portone. Il monastero, costruito nel periodo delle invasioni barbariche, fu successivamente abbandonato e cadde in rovina. Ricostruito nell'841 ad opera del Vescovo di Brescia Ramperto, venne dotato poi di un castello a difesa della corte contro le scorrerie dei popoli barbari. Esso ha subito nell'arco dei secoli diverse vicissitudini fino a quando, nel XVIII secolo, venne messo all'asta con tutte le sue proprietà ed acquistato da Andrea Mazzocchi, nipote di Pompeo Mazzocchi (1829 – 1915).

Cascina Portone

Gli ex possedimenti del monastero vennero amministrati dalla famiglia Mazzocchi fino a qualche decennio fa; estintosi l'ultimo suo rappresentante i beni familiari passarono per lascito ai Comuni di Torbole e Coccaglio.

Il palazzo più importante di Torbole è il palazzo Spazzini, la sua origine potrebbe risalire alla carta rampertiana dell'841. Questo palazzo si pensa fu fondato da Biatta Palazzo di cui fu proprietà per almeno 500 anni.

Il 22 ottobre 1905 venne inaugurato l’asilo infantile voluto da Cesare e Teresina Deretti edificato su progetto del prof. Luigi Tombola, di cui il 1 ottobre 1904 era stato approvato lo statuto.

Nel 1993 viene eretta nel cimitero la cappella per i caduti, viene realizzato il campo sportivo, sono ristrutturate le scuole elementari,migliorata la strada principale Brescia-Orzinuovi.

Il Comune fa parte del Movimento Patto dei Sindaci (nato nel 2009, è il principale movimento europeo che vede coinvolte le autorità locali e regionali impegnate ad aumentare l'efficienza energetica e l'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nei loro territori, attraverso il loro impegno i firmatari del Patto intendono raggiungere e superare l'obiettivo europeo di riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020. Le azioni che i firmatari intendono svolgere sono molteplici: il risparmio energetico; la creazione di posti di lavoro stabili e qualificati non subordinati alla delocalizzazione; un ambiente e una qualità della vita più sani) dal 2013.

Il Santo patrono di Casaglia è San Filastrio, quello di Torbole è Sant'Urbano.

L'economia del paese è sempre stata agricola, e lo è anche adesso, grazie al territorio prevalentemente pianeggiante, lo sviluppo da parte di piccole e medie imprese ha recentemente dato una grossa spinta economica che ha così permesso un notevole cambiamento dal punto di vista artigianale ed industriale.

Stemma del comune di Torbole Casaglia: un covone sormontato da una stella a sei punte e contornato da tre api.

 

Beni Culturali Architettonici

 

Monastero di San Martino

Antico monastero Benedettino fondato nel VII secolo che venne fortificato in epoca imprecisata. L'impianto del complesso è quadrangolare, circondato da alte mura e fossato, con ingresso sul lato orientale difeso da un ponte levatoio. L'edificio è stato fortemente modificato tra il XVI e il XVII secolo. Rimangono tuttavia in buona parte in vista le murature esterne originali, in ciottoli a volte rinforzati da laterizio. Oggi il Monastero è di proprietà del Comune di Torbole Casaglia e destinata ad uso edilizia residenziale pubblica.

 

 

Palazzo Spazzini 

Sorto in epoca imprecisata ma lo stile risale a quello del 500. All'interno si notano alcuni saloni con frammenti di dipinti e decorazioni del '600. Fu restaurato nell' ottocento a cui avrebbe lavorato anche il Vantini.

 

Villa Averoldi 

Edificata nell'800 su una precedente costruzione alla quale apparterrebbe il seicentesco portale di marmo sulla strada. L'edificio ha pianta a U, e il corpo centrale presenta un portico su pilastri bugnati.

 

 

Parrocchiale di Torbole

Dedicata a Sant'Urbano. Edificata nel 1750 al posto di quella eretta nel '500. Fu ristrutturata nel 1935.

 

Allegati

Informazioni generali sul territorio

Ultima modifica: Ven, 18/05/2018 - 15:53